.......

+++++++++++++++++++++++

martedì 15 settembre 2020

NEWS SUL NUOVO DISCO DI INEDITI DI CLAUDIO BAGLIONI

SETTEMBRE 2020 (SERENA Caporale https://www.facebook.com/serena.caporale.5

 scrive (con foto)

Sopra le mascherine ci sono occhi che sorridono.

Una domenica di fine lavoro da incorniciare...
Un viaggio entusiasmante che ci ha coinvolto anima e tacchi...
Abbiamo lavorato in "armonia" con una unità di intenti e con affetto. Felice.
❤️


AGOSTO 2020 Alex Tomei su istagram scrive


Secondo e ultimo giorno di registrazione per il nuovo album di Claudio Baglioni.È stata un’esperienza emozionantissima partecipare alla realizzazione del lavoro di uno dei giganti della musica italiana.Quando ci si accosta alla sua musica lo si fa in punta di piedi e con gran rispetto.Grazie a Paolo Gianolio che mi ha voluto nella band ed ai miei fantastici compagni di sezione

giuseppe Gambi su istagram   scrive


giuseppegambi

L' Estate sta finendo, la musica riparte con la voglia di progettare anche se il momento é particolare per tutti 🙏🌹 Grande orgoglio incontrare un big della canzone italiana: Claudio Baglioni 🎶❤🎧🎤🎵❤

Siamo made in Sud ☀🌊💙

giovedì 23 luglio 2020

CALENDARIO TOUR DODICI NOTE 2021 DI CLAUDIO BAGLIONI

CALENDARIO TOUR DODICI NOTE 2021 DI CLAUDIO BAGLIONI

lunedì 6 luglio 2020

claudio baglioni scrive in ricordo di Ennio Morricone

claudio baglioni scrive in ricordo di Ennio Morricone skipli.net/f/ViLTYvMZ #baglioni #enniomorricone #claudiobaglioni #Morricone

giovedì 23 aprile 2020

CLAUDIO BAGLIONI SCRIVE SU Vanity Fair 22 aprile 2020

Claudio Baglioni: «Il sogno è sempre»
➟ https://gazzetta.lt/W8qa5nlz7
@VanityFairIt

#VanityFair #baglioni #claudiobaglioni #difendiamoinostrisogni

giovedì 2 gennaio 2020

TESTO DEGLI ANNI PIù BELLI DI CLAUDIO BAGLIONI 3 GENNAIO 2020

noi che sognavamo i giorni di domani
per crescere
insieme e mai lontani
e sapere già cos’è un dolore
e chiedere
in cambio un po’ d’amore
noi
occhi di laguna noi
ladri di fortuna noi
cavalieri erranti della luna noi
una bufera di capelli ​​​​​
in aria a far castelli noi ​​​​
che abbiamo urlato al vento per cantare noi
gli anni più belli
NOI
 IN UNA FUGA DA RIBELLI
 UN PUGNO DI GRANELLI NOI
 CHE ABBIAMO PRESO STRADE PER CERCARE IN NOI
 GLI ANNI PIÙ BELLI
NOI CHE VOLEVAMO FARE NOSTRO IL MONDO
 E VINCERE
 O ANDARE TUTTI A FONDO
MA IL DESTINO ASPETTA DIETRO UN MURO
 E VIVERE
 È IL PREZZO DEL FUTURO
NOI
 GUANCE SENZA FIATO NOI
 LABBRA DI PECCATO NOI
 PASSEGGERI PERSI NEL PASSATO
NOI​​​​​​
UNA RINCORSA DI RUSCELLI ​​​​
TRA NUVOLE DI UCCELLI NOI ​​​​
CHE ABBIAMO VISTO IL SOLE ACCENDERE SU NOI
GLI ANNI PIÙ BELLI​​​​​
NOI
UNA PROMESSA DA FRATELLI​
TRA LACRIME DI OMBRELLI NOI
CHE ABBIAMO UDITO IL MARE PIANGERE CON NOI
GLI ANNI PIÙ BELLI​​​​

E QUEL TEMPO È UN FILM DI MILLE SCENE
NON SI SA COM'È LA FINE
SE LE COSE CHE CI FANNO STARE BENE
SONO QUI
PROPRIO QUI
FORSE NO
FORSE SÌ
SEMPRE QUI
e siamo noi ancora quelli
noi
con le ferite dei duelli
e spalle di fardelli noi
che abbiamo spinto il cuore a battere per noi
gli anni più belli
noi
che siamo stati lupi e agnelli
con l’anima a brandelli
noi
che abbiamo chiesto al cielo di ridare a noi
gli anni più belli
gli anni più belli

martedì 10 settembre 2019

DUCCIO FORZANO SU CLAUDIO BAGLIONI E PAOLA MASSARI

Tratto dal libro di Duccio Forzano "Come Rocky Balboa"

…..Ma ora sono sul set del videoclip 'Amore dannato', di e con Paola Massari.
Ho la mia amata telecamera in spalla e Giacomo mi responsabilizza, anche se poi alla fine molte scene le gira lui. [...] Con Paola ci ho parlato poco, Giacomo è molto presente, ma alla fine sono contento così.
Lei è bella da togliere il fiato, alta, un fisico statuario, i capelli lunghi e biondi, gli occhi azzurri e le labbra carnose.
Quando guarda dritto nell'obiettivo, lo trapassa e ho la sensazione che guardi me e riesca a sentire i miei pensieri.
Ma non è la sua meravigliosa apparenza che mi attrae, anzi, questa sua bellezza così appariscente mi inibisce, mi rende timido e impacciato.
No, ciò che mi conquista di lei è la sua dolcezza e il suo interesse sincero per tutto ciò che facciamo.
Anche Roma è bellissima, ma noi stiamo quasi tutto il tempo sul set principale, quello del playback in esterna, che è in periferia, all'interno di una fabbrica dismessa: un lungo capannone abbandonato, con le finestre senza vetri e macerie ovunque. In due set interni, invece, giriamo alcune scene con due attori che interpretano la storia di questo amore dannato. Mentre giro, il tempo è come sospeso nell'unica certezza che ho: la mia vita la voglio così.
[...]
“Dobbiamo fare un videoclip sul brano 'Bolero', tratto dal nuovo disco di Claudio Baglioni, che si chiama 'Io sono qui', lei è disponibile?”
Penso alla telefonata di Andrea Papalia, quella sera di quattordici anni fa, che ha cambiato la mia vita.
Perché proprio a me?
La risposta l'ho avuta la sera dopo il grande concerto di Baglioni allo stadio Olimpico di Roma del 6 giugno 1998, di cui avevo curato la regia.
Eravamo in autostrada, io e Andrea, in viaggio da Roma a Milano: “Sei stato bravo”, mi dice con il suo inconfondibile accento milanese, “Claudio aveva ragione a volerti su questo progetto, ma se non fosse per Paola oggi non saremmo qui a parlarne”.
Viene interrotto da una telefonata ed io sono lì a fremere di curiosità aspettando impaziente che riprenda finalmente a raccontare.
“Quando Claudio si lamentò del videoclip di 'Bolero', io ero lì con Paola e Guido, lo sai quanto sia pignolo sul lavoro, non era soddisfatto e voleva girarne una nuova versione. Vennero fatti vari nomi di registi affermati e qualcuno propose Giacomo De Simone, ma proprio in quel momento Paola, che fino ad allora aveva ascoltato senza intervenire, prese la parola. L'avevi conquistata con il tuo entusiasmo e la tua disponibilità sul set, ma soprattutto si ricordava che quando dietro alla macchina da presa c'eri tu si sentiva sicura, non riusciva a spiegarsi perché, in fondo, eri solo l'assistente factotum del regista, ma lo ricordava chiaramente e affermava che riguardando il suo videoclip sarebbe stata in grado di riconoscere ogni inquadratura girata da te”.
” Allora chiamatemi questo Forzano” disse Claudio, “e ingaggiatelo per dirigere la nuova versione di Bolero”.
Persone.
Snodi.
Destino.
(Duccio Forzano)

giovedì 25 luglio 2019

mercoledì 24 aprile 2019

martedì 16 aprile 2019

giovedì 4 aprile 2019

giovedì 28 marzo 2019